• Banner1.jpg
  • Banner6.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner4.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner7.jpg

La villanella d'Aspromente (Calabria)

Laboratorio didattico di Pino Gala, antropologo della danza etnica
 
Sabato 16 marzo 2024, h. 16,00 – 20,00, con cena e festa da ballo
PARMA, Circolo Aquila Bruno Longhi, Vicolo Santa Maria, 1/A.
 
Organizzato dall'Ass. Cult. Taranta di Firenze e dal gruppo "Incontri Parma Balfolk"
 
PROGRAMMA
h. 15,30: iscrizioni
h.16,00: presentazione del seminario, inquadramento strutturale e storico della "villanella reggiana" nel panorama dell'ampia famiglia della tarantella del Sud d'Italia. 
h. 16,30: Laboratorio tecnico della tarantella aspromontana, con particolare riferimento alla tarantella "bagnarota".
h. 19,15: Conferenza del prof. Gala su «Danzare a volo di uccelli, con rapidità ed eleganza ». Proiezione guidata di documentari video inediti di ricerca sulla festa della Madonna della montagna di Polsi.
h. 20,00: cena sociale a prezzo convenzionato (18 €)
h. 21,00: festa da ballo in piazza con repertorio di danze e balli-gioco tradizionali italiani.
 
REPERTORIO DIDATTICO 
La complessa tarantella (viddhanedda) sud-calabrese.
 
DOCENTI
Pino Gala, ricercatore e antropologo della danza
Tiziana Miniati: ricercatrice, insegnante di danze popolari dal 1997

Leggi tutto...

VETERENOVO - Radici antiche del futuro

Scuola gratuita di Formazione FITP sui balli tradizionali della Basilicata
 
e FESTIVAL DELLA TARANTELLA LUCANA
 
Marsicovetere (PZ) 8, 9 e 10 dicembre 2023
 
Direzione artistica di Giuseppe M. Gala.
  
PROGRAMMA
 
VENERDÌ 8 dicembre 2023
Scuola gratuita di Formazione sui balli tradizionali della Basilicata
Mattina - Primo laboratorio teorico-tecnico
ore 9,30
Lezione teorica [biblioteca comunale]: L'Etnocoreologia e lo studio delle danze etniche: concetti basilari applicati al patrimonio etnocoreutico della Basilicata (a cura del prof. G.M. Gala).
Visione guidata di video inediti su balli rari e particolari girati in Basilicata. Dibattito.
ore 10,30
Lezione tecnica di ballo [palestra della scuola]. Repertorio: la tarantella in cerchio, a due coppie e in coppia del Pollino
ore 13,30 - Pausa pranzo - intervallo
Pomeriggio - Secondo laboratorio teorico-tecnico
ore 15,30
Lezione teorica [biblioteca comunale]: La storia della ricerca etnomusicale ed etnocoreutica in Basilicata (a cura del prof. G.M. Gala).
Visione guidata del documentario inedito di G. M. Gala "La zampogna lucana". Visione guidata di video inediti di G. M. Gala girati nelle feste mariane di vari paesi lucani del Pollino
ore 16,30
Lezione tecnica di ballo [palestra della scuola]. Repertorio: la tarantella nella Val d'Agri (nelle varianti di Viggiano, Marsicovetere, Marsico Nuovo)
ore 19,30 - Intervallo – Cena
 
I Serata – FESTIVAL DELLA TARANTELLA LUCANA
ore 21,30
L'arpa di Daniela Ippolito (S. Mauro Forte - MT) - arpa e voce.
ore 22,30
Gli Amarimai (Viggiano - PZ) - organetto, zampogna, arpa, chitarra, tamburello e voce.
 

Leggi tutto...

La pizzica pizzica tradizionale nella Grecìa salentina

Laboratorio didattico di Pino Gala, antropologo della danza etnica
 
PARMA - Sabato 2 dicembre 2023
 
h. 15,30 – 19,30, con cena e festa da ballo
Circolo Arci Dipendenti Comunali, Viale Mentana, 31/A.
 
PROGRAMMA
h. 15,00: iscrizioni
h.15,30: presentazione del seminario, inquadramento della pizzica pizzica tradizionale salentina nell'ampia famiglia della tarantella meridionale.
h. 15,45: Laboratorio tecnico di pizzica pizzica
h. 18,30: Conferenza del prof. Gala su «La pizzica pizzica tra funzione ludica e funzione terapeutica». Proiezione guidata di documentari video inediti di ricerca.
h. 20,00: cena sociale (2 primi, secondo, contorno, acqua, vino e sorpresa) (15 €)
h. 21,00: festa da ballo con repertorio di danze del Sud d'Italia

REPERTORIO DIDATTICO
La "pizzica pizzica" a Cutrofiano, Corigliano d'Otranto e Martignano

DOCENTI
Pino Gala, ricercatore e antropologo della danza
Tiziana Miniati: ricercatrice

Leggi tutto...

BALLOS SARDOS

Laboratorio di danze tradizionali sarde a cura del prof. Pino Gala

Sabato 20 maggio 2023 – h. 16-20 (iscrizioni h. 15,30)
presso Fusolab 2.0 – Via della Bella Villa, 94 - ROMA

La Sardegna è la più grande miniera di danze etniche rimasta fra tutte le regioni italiane.
La sua insularità geo-culturale, la sua antica introversione e il profondo senso di identità delle popolazioni sarde hanno protetto e conservato molte espressioni culturali proprie paese per paese.
La danza per la cultura sarda ha un valore immenso, è un tratto distintivo fra i più sentiti e identificativi. La varietà dei balli, la loro biodiversità locale, l'elevata e diffusa competenza etnomusicale ed etnocoreutica della Sardegna, fanno di questa isola un campo di indagine di tanti ricercatori ed antropologi.
Accanto ad arcaicismi coreutici, convivono anche prestiti giunti dall'esterno, trasformazioni, innovazioni coreografiche spettacolari dei gruppi folkloristici, tendenze a globalizzare e generalizzare alcuni modelli attraverso nuove scuole urbane di ballo, ecc.

Leggi tutto...

La tarantella del Gargano - Laboratorio con Pino Gala

Concordanze – Tratturi
Culture adriatiche – Tradizioni e balli dell'Italia adriatica

LA TARANTELLA DEL GARGANO (CARPINO) - Laboratorio con Pino Gala

Sabato 25 febbraio 2023 - ore 16,00 – 20,00
presso Spazio Matta - Via Gran Sasso, 57 – Pescara
 
PROGRAMMA
- ore 15,30: Iscrizioni
- ore 16.00: Presentazione del corso e del tema didattico, uso delle castagnole garganiche.
- ore 16.30: Lezione tecnica di ballo
- ore 18.30: Conferenza sul tema: “Strani suoni, stridule voci e rude danze sulla Montagna Sacra”. Narrazioni e immagini inedite sulla ricerca etnocoreutica garganica. Dibattito.
- ore 19,15: Lezione tecnica di ballo
- ore 20,00: Chiusura dei lavori

Un mare, una costa e analogie culturali
Sin dalla scoperta della navigazione, il mare nella storia umana non è mai stata barriera, ma via di comunicazione e di rapporti culturali. Il mare Adriatico è quasi un lago nel grande lago del Mediterraneo; fitti scambi hanno contrassegnato le sue coste: dalla colonizzazione dell'antica Grecia all'Impero romano, dall'espansione di Bisanzio-Ravenna alla contrapposizione fra civiltà cristiana ed islamica, ai domini della Serenissima. Come si muovevano popolazioni, eserciti e flussi commerciali, così transitavano e si contaminavano saperi, consuetudini ed espressioni delle varie comunità che su questo mare si affacciavano cercando la fonte del proprio sostentamento.
Così abbiamo voluto quest'anno iniziare un percorso di conoscenza dei repertori di ballo tradizionale di aree che si affacciano sul versante italiano del Mare Adriatico, scegliendo le tarantelle del Gargano, i balli di una precisa comunità del medio Abruzzo (Loreto Aprutino) e il saltarello di una valle delle Marche centrali (Val di Chienti).
 

Leggi tutto...

I balli tradizionali dell'Umbria - I balli tradizionali dell'Umbria - Laboratorio didattico con Pino Gala

Monteleone d'Orvieto (PG) - domenica 26 febbraio 2023
h. 15 – 19 presso L'Officina, via San Lorenzo 22

Laboratorio didattico teorico-tecnico con Pino Gala
 
L'Umbria è il cuore geografico dell'Italia. Una regione di minore estensione collocata nell'Italia centrale. Tali caratteristiche fanno sì che anche nel radicamento plurisecolare delle usanze e delle espressioni culturali locali questa terra ha assorbito influenze delle regioni limitrofe.
Per ciò che concerne la distribuzione delle danze del mondo agro-pastorale, siamo riusciti fra il 1987 e il 1993 a documentare ciò che restava delle pratiche e delle memorie etnocoreutiche ed etnomusicali di questa regione. Molti balli erano già caduti in disuso; nei successivi 30 anni il patrimonio è andato ulteriormente riducendosi.
Tale impoverimento culturale del patrimonio intangibile è grave e deve preoccupare gli amministratori politici, le università e tutte le istituzioni culturali della regione, oltre che le comunità un tempo detentrici di tali ricchezze.
In questa ottica si muove questo primo appuntamento didattico di ridiffusione della pratica dei vecchi balli ad opera degli stessi ricercatori ed antropologi della danza che reperirono le danze e che riproporranno nelle forme fedeli agli originali alcuni esempi della ricca eredità delle danze etniche in Umbria.
 
REPERTORIO DIDATTICO
Ballo del chiamo, Ballindodici, Quadriglia e Ballo del sospiro della Val di Chiana e Orvietano
Manfrina e scotis dell'area del Trasimeno

Leggi tutto...

LA SALTARELLA DI AMATRICE - Bergamo (progetto Sussulti di danza)

  
BERGAMO
 
Sabato 4 febbraio 2022
h. 15,30 – 20,00
 
presso "La tana del Gioppino", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
 
PROGRAMMA
- h. 15,00: Iscrizioni
- h. 15,30: Lezione di ballo
- h. 17,30: Lezione teorica e video originali inediti
- h. 18,15: Lezione di ballo
- h. 19,30: Ripasso
- h. 20,00: Cena collettiva
- h. 21,30: intrattenimento musicale
 
REPERTORIO DIDATTICO: Saltarella amatriciana.
 
DOCENTI
prof. Pino Gala, antropologo della danza (curriculum: http://www.taranta.it/.../149-giuseppe-pino-michele-gala...)
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice, (curriculum: http://www.taranta.it/.../curricula/160-tiziana-miniati.html)
 
LA SALTARELLA DI AMATRICE
Oggi quando si parla di Amatrice, un pensiero amaro di tutti va al terremoto che l'ha rasa al suolo nell'agosto del 2016.
Lo sconvolgimento socio-economico e culturale che ne è derivato ha prodotto una dispersione di molti suoi abitanti, la fine di una vita sociale di paese, il blocco di tante sue attività e il cadenzare solito della quotidianità feriale e festiva. Anche le sue tradizioni, conservate gelosamente, hanno risentito della lacerazione di un tessuto civile. Amatrice era uno scrigno di preziose testimonianze canore, etnomusicali ed etnocoreutiche: canti a braccio, ciaramella, tamburrella, organetto e saltarella erano i suoi gioielli migliori. Oggi si cerca di tutelare questo importante patrimonio.

Leggi tutto...

La ballarella in Abruzzo - Spoltore (PE)

Accademia di Danza Etnica Abruzzese
 
CONCORDANZE - Culture tradizionali nelle terre d’Abruzzo
 
Spoltore (PE) Sabato 26 novembre 2022, h. 16-20.
Sede della Società Operaia, Piazza G. D'Albenzio, 1
 
«Laboratorio monotematico del quindicesimo anno di “Concordanze”, dedicato ad alcuni modelli di ballarella, ballo etnico documentato nei paesi collocati tra le pendici settentrionali della Majella e la val Pescara. Formule coreutiche apparentemente semplici ma diversificate a seconda dei paesi.
La famiglia etnocoreutica delle ballarelle è ancora da studiare nella sua distribuzione geografica e nell'analisi delle varianti strutturali e stilistiche. Infatti può essere considerata un sottogruppo morfologico dell'ampia famiglia del/lla saltarello/a ma è prevalentemente collocata a cuscinetto fra il territorio della tarantella e quello del saltarello, ossia l'area del Matese e delle Mainarde fra Campania e Molise, il Lazio meridionale e – staccata da questa area – alcuni paesi abruzzesi collocati fra Majella e valle del Pescara.
Nel panorama delle danze abruzzesi l’osservazione analitica esempi di ballarella da me scoperti vuol far comprendere agli appassionati di musica e ballo popolare la grande varietà e l’abbondanza di varianti della tradizione etnocoreutica abruzzese e di metterli in guardia sulla tendenza degli ambienti cosiddetti “folk” che tendono a ridurre a modelli unici i balli regionali, attraverso un processo di semplificazione, globalizzazione e consumismo dei patrimoni locali» [Pino Gala].
 
La formula del mini-seminario permette di impegnare poco tempo ai partecipanti e nello stesso tempo farli concentrare ed esercitare su un solo modello stilistico.
 
PROGRAMMA
h. 15,30: Iscrizioni
h. 16,00: Lezione tecnica sulle ballarelle della Majella
h. 18,00: Lezione teorica con documenti video inediti
h. 18,45: Lezione tecnica
h. 20,00: Aperitivo in musica

Leggi tutto...

Tammurriata dell'area domiziana - Milano

Laboratorio didattico con Pino Gala
 
MILANO 13 novembre 2022 – ore 10-15
presso C.I.Q. (Centro Internazionale di Quartiere) – Via Fabio Massimo 19
 
Fra le varie tipologie di "balli sul tamburo" della Campania, il modello rimasto più praticato e ricco di varianti è quello situato nell'area adiacente a nord di Napoli, fra comuni di confluenza delle province di Napoli e Caserta.
Negli ambienti folk si è diffusa erroneamente la denominazione "tammurriata giuglianese", in realtà sono tanti i paesi in cui è diffuso questo modello di "ballë 'n'copp'o tammurrë".
Si tratta di un'eccezione in tutto il panorama delle danze tradizionali del sud, poiché non è a struttura libera come è tipico dell'ampia famiglia delle tarantelle meridionali, ma a struttura chiusa.
Pur nella brevità di un Laboratorio giornaliero, ma comunque sempre denso di tecnica e teoria, affronteremo le caratteristiche morfologiche del ballo, le sue differenze di esecuzione a seconda dei supporti musicali (la "tromba degli zingari" - o scacciapensieri - e il "sisco" - o flauto di canna-).
A sugellare la peculiarità di questo laboratorio saranno anche i filmati inediti e storici che l'antropologo della danza farà visionare e commenterà durante l'incontro, osservazioni antropologiche sulla festa, la musica e la danza.
Insomma un'occasione didattica fra divertimento e cultura da non perdere.
Vi aspettiamo.
 
PROGRAMMA
h. 10,00: Iscrizioni e presentazione del corso
h. 10,30: Laboratorio pratico di tammurriata
h. 12,30: pausa pranzo
h. 13,15: Lezione teorica: Le tipologie tradizionali del ballo sul tamburo in Campania e sue recenti trasformazioni. Rapporti con gli altri modelli di tarantella (a cura di Pino Gala). Visione di video inediti.
h. 14,00: Laboratorio pratico di tammurriata
h. 15,00: Chiusura dei lavori e saluti

Leggi tutto...

Laboratorio di ballo sul tamburo - Bergamo

Sussulti di danza
 
BALLO SUL TAMBURO DELL’ENTROTERRA VESUVIANO
O ballë ‘n coppë o tammurrë
 
BERGAMO, sabato 12 onovembre 2022, h. 15,30 – 19,30
presso "La tana dei Gioppini", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
Il Laboratorio didattico prevede l’insegnamento di uno dei modelli rimasti più integri, pur se praticati da poche famiglie di amatori de “o ballo”, oppure "O ballo 'ncopp'o tammurro": quello dell’entroterra vesuviano (Terzigno, Ottaviano e San Giuseppe Vesuviano). Si partirà dallo studio del linguaggio delle braccia e si passerà poi a studiare i moduli cinetici degli arti inferiori e delle tante figurazioni che la danza prevede.
La visione di documentari inediti e rari di ricerca (a partire dal 1981) permetterà una conoscenza contestuale e socio-culturale del ballo, ripreso durante le varie feste mariane primaverili ed estive o in incontri di vicinato.
Il contesto sacrale e rituale ha contribuito a conservare la pratica del ballo, come componente essenziale della festa religiosa.
 
La “tarantella napoletana”, il ballo italiano più famoso all’estero da almeno un paio di secoli, oggi non esiste più. In realtà nella Napoli metropolitana il ballo etnico si è perso, ma esiste sotto mentite spoglie nei centri agrari più conservativi della provincia, e porta il nome più generico di ballë ‘n coppë o tammurrë (più di recente detto negli ambienti folk “tammurriata”). Si tratta di un sottogruppo della tarantella meridionale basato sull’uso delle castagnette da parte dei ballatori e sul canto a tamburo nella sua essenzialità musicale.
Tale sottogruppo si articola a sua volta in almeno 5 modelli areali diversi, complessi e difficili soprattutto nell’assimilazione dello stile contadino. Negli ultimi 20 anni è stata reinventata una “tammurriata urbana”, stilizzata e resa artificiosa e distante da un linguaggio rurale originario.
 

Leggi tutto...

Laboratorio di PIZZICA PIZZICA tradizionale - Bergamo

SUSSULTI DI DANZA
LA PIZZICA PIZZICA SALENTINA
 
BERGAMO, sabato 8 ottobre 2022, h. 15,30 – 19,30
presso "La tana dei Gioppini", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
Viaggio nelle danze tradizionali del centro-sud
Iniziamo un nuovo percorso didattico nel mondo delle danze tradizionali italiane. Dopo aver perlustrato alcuni giacimenti delle regioni settentrionali del nostro Paese, questo secondo cammino lo dedichiamo ad alcuni esempi fra i più noti delle danze tradizionali del centro sud.
Diverso è il taglio tematico e metodologico. Infatti abbandoniamo il metodo antologico e areale e adottiamo quello specialistico e di approfondimento. Dallo sguardo e dall'insegnamento panoramico passiamo all'immersione nel modello e nello stile coreutico locale. Quindi non affronteremo più in ciascun laboratorio un gruppo di balli semplici e di gruppo, ma studieremo solo una danza complessa per volta, prevalentemente di coppia.
Resta identico però il metodo d'approccio: insegneremo le forme originali e in modo filologico, così come l'abbiamo appreso decenni or sono, prima della scomparsa di alcune danze o della trasformazione spettacolare. Vi sarà sempre in ciascun laboratorio una sezione teorica nella quale parleremo di notizie storiche e antropologiche e vedremo i video originali dei balli insegnati, a prova della competenza e dell'adesione alle forme autentiche da parte dei docenti.
Quindi chi frequenta questi laboratori avrà la garanzia di poter apprendere le danze nella loro forma corretta. Resta invece intatte le finalità della rassegna "Sussulti di danza": i laboratori saranno improntati al recupero anche di alcune "funzioni" proprie del ballo tradizionale: capacità aggregativa, divertimento, buon umore, piacere fisico, distensione psichica, esercizio ritmico-motorio, concentrazione esecutiva.
Inoltre vogliamo far conoscere una parte dell'immenso patrimonio etnocoreutico dell'Italia, senza il bisogno di ricorrere a mode folk di balli stranieri, spesso non controllati nelle loro forme originarie.

Leggi tutto...

La saltarella di Bucchianico (CH) 2022

Laboratorio didattico teorico-pratico

Bucchianico 22 ottobre 2022 - h. 15,30-20,00
Sala del teatro comunale e chiostro comunale
 
Un patrimonio locale per le future generazioni.
Dalla ricerca al reinnesto.
 
PROGRAMMA
h. 15,00: Iscrizioni e presentazione del corso
h. 15,30: inizio del Laboratorio. Lezione tecnica di saltarella di Bucchianico
h. 19,00: Conferenza: "Eredità etniche a rischio e loro trasposizione al futuro. Questioni patrimoniali culturali a Bucchianico". Proiezione video. Tavola rotonda a seguire condotta dall'Arch. e storico locale dr. Giuliano Di Menna.
h. 20,00: Cena collettiva condivisa e intrattenimento danzante.
 
Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Sabina Gala, antropologa culturale
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice
 

Leggi tutto...

SUSSULTI DI DANZA - I balli tradizionali dagli Appennini alle Alpi

BERGAMO, 28 maggio 2022
h. 15,30 – 19,30, presso "La tana del Gioppino", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
Viaggio nelle danze collettive di EMILIA e LOMBARDIA (Val Camonica)
Siamo giunti al quarto appuntamento di questo nuovo percorso didattico nel mondo delle danze tradizionali delle regioni settentrionali del nostro Paese. Nonostante la dispersione di gran parte del patrimonio etnografico della civiltà contadina e pastorale dei secoli scorsi, sono rimaste delle "isole di resistenza folklorica" anche in un nord a intensa vocazione industriale e turistica. Noi siamo andati a cercare e documentare vari repertori ancora attivi o recuperati dal ricordo e dall'esecuzione dei testimoni diretti di pratiche dismesse da decenni.
Da questi giacimenti della memoria abbiamo estratto alcune danze che si eseguono in gruppo nelle situazioni di festa o di ritrovo sociale.

Leggi tutto...

Pizzica della Grecia Salentina

Domenica 29 maggio 2022
Spazio La Gobba, Via Padova 355, Milano
 
H11/16,30 (con breve pausa per il pranzo):
Laboratorio teorico-tecnico con Pino Gala
H17,30: aperitivo e festa a ballo con i Briganti
 
Info e iscrizioni: 3283598609 3403782824
 
Costo Stage:
35 euro per iscrizioni entro il 15.05
40 euro per iscrizioni successive al 15.05
Concerto: 5 euro
Tessera Artigirovaghe: 5 euro
 

I BALLI TRADIZIONALI IN MAREMMA. Laboratorio didattico a cura di Pino Gala

Sabato 21 maggio 2022 – MANCIANO (GR)
presso Agriturismo Bio "Le Macchie Alte" – Poderi di Montemerano
 
La Maremma, terra di tradizioni contadine e danze particolari
Sotto l'aspetto etnografico la Maremma è l'area più conservativa e interessante della Toscana.
Area di antica vocazione agraria, boschiva e pastorale, dalle alture dell'Amiata alla costa è stata da millenni caratterizzata dalla transumanza invernale: pastori con le greggi, boscaioli e "montagnini" scendevano dalle varie zone dell'Appennino per svernare in Maremma. Il pascolo, lo "smacchiamento" (disboscamento della macchia mediterranea), lavorazione dei giunchi e delle paglie ed altri lavori possibili permettevano la sopravvivenza dei lavoratori stagionali delle montagne, che restavano in Maremma dall'autunno alla primavera inoltrata.
La conseguenza era un ricorrente scambio di saperi e forme espressive diverse, un sincretismo culturale di grande interesse antropologico.
Anche le danze sono state effetto di questo meticciato di culture locali diverse.
Il prof. Gala dal 1980 ha compiuto numerose ricerche etnomusicologiche ed etnocoreutiche sul campo, ritrovando pratiche e memorie di enorme interesse. In Maremma si sono addensati e meglio conservati balli locali e balli di provenienza transumantica, dell'Appenino tosco-emiliano e tosco-romagnolo.

Leggi tutto...

IL LACCIO D'AMORE e ALTRI BALLI DI PENNA SANT'ANDREA (TE)

CONCORDANZE - Culture tradizionali nelle terre d’Abruzzo
 
Spoltore (PE), Sabato 9 aprile 2022, h. 15,30-20
Sede della Società Operaia, Piazza G. D'Albenzio, 1
 
PROGRAMMA
h. 15,30: Iscrizioni
h. 16,00: Lezione tecnica sul Laccio d'Amore e altre danze di Penna S. Andrea
h. 18,00: Lezione teorica con documenti video inediti
h. 18,45: Lezione tecnica
h. 20,00: Cena condivisa e intrattenimento musicale.
 
Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Per poter partecipare al seminario bisogna prenotarsi telefonando o mandando msg ai seguenti numeri, oppure segnalando la propria presenza sull’evento di Facebook.
338-5619192 (Edgardo), 347-6186994 (Tiziana), 347-5000000 (Pino).
Vi aspettiamo!
 

Leggi tutto...

SUSSULTI DI DANZA - 2

 
I balli tradizionali dagli Appennini alle Alpi
 
BERGAMO
26 marzo 2022
h. 15,30 – 19,30
presso "La tana del Gioppini", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
Viaggio nelle danze collettive del folklore dell'Italia centro-settentrionale
 
BALLI PIEMONTESI DELLA VAL VARAITA
Passiamo alla seconda puntata del nostro viaggio didattico nel mondo delle danze tradizionali delle regioni settentrionali del nostro Paese. Nonostante la dispersione di gran parte del patrimonio etnografico della civiltà contadina e pastorale dei secoli scorsi, sono rimaste delle "isole di resistenza folklorica" anche in un nord a intensa vocazione industriale. Noi siamo andati a cercare e documentare vari repertori ancora attivi o recuperati dal ricordo e dall'esecuzione dei testimoni diretti di pratiche dismesse da decenni.
Da questi giacimenti della memoria abbiamo estratto alcune danze che si eseguono in gruppo nelle situazioni di festa o di ritrovo sociale. Le danze saranno insegnate nella loro forma originale, inoltre vi sarà una sezione teorica nella quale parleremo di notizie storiche e antropologiche e vedremo i video originali dei balli insegnati.
I Laboratori saranno improntati al recupero anche di alcune "funzioni" proprie del ballo tradizionale: capacità aggregativa, divertimento, buon umore, piacere fisico, distensione psichica, esercizio ritmico-motorio, concentrazione esecutiva.
Inoltre vogliamo far conoscere una parte dell'immenso patrimonio etnocoreutico dell'Italia, senza il bisogno di ricorrere a mode folk di balli stranieri, spesso non controllati nelle loro forme originarie.
Il repertorio del secondo laboratorio vuole rendere omaggio ad una delle valli occitane dove maggiore è stata la ricerca e l'opera di recupero dei vecchi balli, la Val Varaita, nella quale quest'anno si doveva tenere il quinquennale incontro della Baìo, importante carnevale cerimoniale della tradizione alpina, ma che per ragioni di pandemia, è stato rinviato.
 
 

Leggi tutto...

LE SALTARELLE DELLA MEDIA VAL DI SANGRO

 
CONCORDANZE - Culture tradizionali nelle terre d’Abruzzo
 
Spoltore (PE) Sabato 12 Marzo 2022, h. 16-20.
Sede della Società Operaia, Piazza G. D'Albenzio, 1
 
PROGRAMMA
h. 15,30: Iscrizioni
h. 16,00: Lezione tecnica delle saltarelle della media Val di Sangro
h. 18,00: Lezione teorica con documenti video inediti
h. 18,45: Lezione tecnica
h. 20,00: Brindisi finale e saluti
 
Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Per poter partecipare al seminario bisogna prenotarsi telefonando o mandando msg ai seguenti numeri, oppure segnalando la propria presenza sull’evento di Facebook.
338-5619192 (Edgardo), 347-6186994 (Tiziana), 347-5000000 (Pino).
Vi aspettiamo!
 

Leggi tutto...

La saltarella di Amatrice - Laboratorio a Spoltore

CONCORDANZE 2022 - I BALLI DELLA FESTA: Viaggio nei balli e nei contesti culturali dell’Abruzzo

Spoltore (PE) Sabato 12 febbraio 2022, h. 16-20.
Sede della Società Operaia, Piazza G. D'Albenzio, 1
 
PROGRAMMA
h. 15,30: Iscrizioni
h. 16,00: Lezione tecnica di saltarella di Amatrice
h. 18,00: Lezione teorica con documenti video inediti
h. 18,45: Lezione tecnica
h. 20,00: Brindisi finale e saluti
 
Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Per poter partecipare al seminario bisogna prenotarsi telefonando o mandando msg ai seguenti numeri, oppure segnalando la propria presenza sull’evento di Facebook.
338-5619192 (Edgardo), 3476186994 (Tiziana), 347-5000000 (Pino).
  
AMATRICE E LA SUA SALTARELLA
Oggi quando si parla di Amatrice, un pensiero amaro di tutti va al terremoto che l'ha rasa al suolo nell'agosto del 2016.
Lo sconvolgimento socio-economico e culturale che ne è derivato ha prodotto una dispersione di molti suoi abitanti, la fine di una vita sociale di paese, il blocco di tante sue attività e il cadenzare solito della quotidianità feriale e festiva. Anche le sue tradizioni, conservate gelosamente, hanno risentito della lacerazione di un tessuto civile. Amatrice era uno scrigno di preziose testimonianze canore, etnomusicali ed etnocoreutiche: canti a braccio, ciaramella, tamburrella, organetto e saltarella erano i suoi gioielli migliori.

Leggi tutto...

TRATTURI- La pizzica pizzica tradizionale di Terra d'Otranto

TRATTURI
Le vie del ballo popolare in Italia

CISTERNINO (BR) sabato 21, domenica 22 marzo 2020
presso Istituto Salesiano, piazza San Giovanni Bosco

L'Associazione Culturale "Taranta" di Firenze e il Comune di Cisternino organizzano, con la collaborazione con l’Istituto Salesiano di Cisternino e Massimiliano Morabito, un seminario didattico su

LA PIZZICA PIZZICA TRADIZIONALE
in Terra d’Otranto (Puglia)

Repertorio didattico:
Pizzica pizzica della Grecìa salentina (Cutrofiano, Martignano, Corigliano), pizzica pizzica a Ruffano, scotis di Corigliano d’Otranto

PROGRAMMA ORARIO DEL SEMINARIO

Sabato 21 marzo 2020
- h. 15,30: Iscrizioni e presentazione del corso
- h. 16,00: Lezione tecnica di ballo
- h. 18,00: Conferenza: “Dall’abbandono all’invenzione: storia di un ballo chiamato pizzica”. Proiezioni video e dibattito
- h. 19,00: Lezione tecnica di ballo
- h. 20,00: Cena condivisa fra i partecipanti e invitati
- h. 21,30: Festa da ballo col gruppo salentino “Malarazza Ensemble” e suonatori della Valle d’Itria sempre nell'Istituto salesiano.

Domenica 16 febbraio 2020
- h. 9,30: Breve lezione teorica con video
- h. 10,00: Lezione tecnica di ballo
- h. 13,00: Chiusura dei lavori.

DOCENTI
- prof. Pino Gala, antropologo della danza
- dr. Tiziana Miniati, ricercatrice.

Leggi tutto...

La saltarella di Bucchianico (CH)

Laboratorio didattico teorico-pratico

Bucchianico 15 marzo 2020 - h. 10 - 17
Sala dei banderesi e chiostro comunale

Un patrimonio locale per le future generazioni.
Dalla ricerca al reinnesto.

PROGRAMMA
h. 10,00: Iscrizioni e presentazione del corso
h. 10,15: Conferenza: La saltarella di Bucchianico: tipologia e caratteri peculiari.
h. 11,00: inizio del Laboratorio. Lezione tecnica di saltarella di Bucchianico
h. 13,00: pranzo collettivo condiviso
h. 14,30: ripresa del Laboratorio tecnica di saltarella di Bucchianico
h. 17,00: Chiusura dei lavori.

Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice

Leggi tutto...

Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci