• Banner1.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner6.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner7.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner4.jpg

La saltarella di Amatrice - Laboratorio a Spoltore

CONCORDANZE 2022 - I BALLI DELLA FESTA: Viaggio nei balli e nei contesti culturali dell’Abruzzo

Spoltore (PE) Sabato 12 febbraio 2022, h. 16-20.
Sede della Società Operaia, Piazza G. D'Albenzio, 1
 
PROGRAMMA
h. 15,30: Iscrizioni
h. 16,00: Lezione tecnica di saltarella di Amatrice
h. 18,00: Lezione teorica con documenti video inediti
h. 18,45: Lezione tecnica
h. 20,00: Brindisi finale e saluti
 
Docenti:
prof. Pino Gala, antropologo della danza
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Per poter partecipare al seminario bisogna prenotarsi telefonando o mandando msg ai seguenti numeri, oppure segnalando la propria presenza sull’evento di Facebook.
338-5619192 (Edgardo), 3476186994 (Tiziana), 347-5000000 (Pino).
  
AMATRICE E LA SUA SALTARELLA
Oggi quando si parla di Amatrice, un pensiero amaro di tutti va al terremoto che l'ha rasa al suolo nell'agosto del 2016.
Lo sconvolgimento socio-economico e culturale che ne è derivato ha prodotto una dispersione di molti suoi abitanti, la fine di una vita sociale di paese, il blocco di tante sue attività e il cadenzare solito della quotidianità feriale e festiva. Anche le sue tradizioni, conservate gelosamente, hanno risentito della lacerazione di un tessuto civile. Amatrice era uno scrigno di preziose testimonianze canore, etnomusicali ed etnocoreutiche: canti a braccio, ciaramella, tamburrella, organetto e saltarella erano i suoi gioielli migliori.
Il repertorio di ballo
Amatrice e il suo territorio dell’alta valle del Velino hanno fatto parte dell’Abruzzo e al Regno delle due Sicilie fino al 1927.
Dal 1981 studiamo un caso di eccellenza della danza popolare italiana: una "saltarella" (gli anziani usano ancora il femminile) complessa e virtuosistica, ma soprattutto ancora viva. Si tratta di una danza di coppia complessa, densa e di rapida esecuzione (ogni coppia compie la sua esecuzione fra 35-45 secondi), dunque esige una preparazione precisa e puntuale di ogni sua componente strutturale e cinetica.
Il seminario prevede lo studio di tutte le parti coreografiche e della discreta varietà di passi e tipi di giro.
Il nostro rapporto con l'alta Sabina è dunque quasi quarantennale. Per sette anni abbiamo organizzato proprio ad Amatrice la rassegna di "Estadanza" con studio particolareggiato della sua saltarella, abbiamo prodotto un album digitale con le musiche locali e curato le rappresentazioni del gruppo folklorico “Ma-tru”. Ancora oggi restiamo in continuo contatto con ballerini e suonatori
Diffondendo il loro ballo rendiamo merito alla resistenza culturale di quelle comunità, che oggi vivono una triste esperienza di dispersione e di difficoltà a ricreare una convivenza sociale, a causa del tremendo terremoto di quasi 6 anni or sono.
 
Organizzazione: Ass. I colori del territorio, Ass. Cult. Taranta aps.
 
AVVISO: Il laboratorio si svolgerà in sicurezza secondo le vigenti normative anticovid: green pass, mascherina, igienizzazione delle mani, preferenza per figure coreutiche distanziate (all'antica).
Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci