• Banner7.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner4.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner1.jpg
  • Banner6.jpg

LA SALTARELLA DI AMATRICE - Bergamo (progetto Sussulti di danza)

  
BERGAMO
 
Sabato 4 febbraio 2022
h. 15,30 – 20,00
 
presso "La tana del Gioppino", Via Celadina, n. 5 - 24020 GORLE (BG)
 
 
PROGRAMMA
- h. 15,00: Iscrizioni
- h. 15,30: Lezione di ballo
- h. 17,30: Lezione teorica e video originali inediti
- h. 18,15: Lezione di ballo
- h. 19,30: Ripasso
- h. 20,00: Cena collettiva
- h. 21,30: intrattenimento musicale
 
REPERTORIO DIDATTICO: Saltarella amatriciana.
 
DOCENTI
prof. Pino Gala, antropologo della danza (curriculum: http://www.taranta.it/.../149-giuseppe-pino-michele-gala...)
dr. Tiziana Miniati, ricercatrice, (curriculum: http://www.taranta.it/.../curricula/160-tiziana-miniati.html)
 
LA SALTARELLA DI AMATRICE
Oggi quando si parla di Amatrice, un pensiero amaro di tutti va al terremoto che l'ha rasa al suolo nell'agosto del 2016.
Lo sconvolgimento socio-economico e culturale che ne è derivato ha prodotto una dispersione di molti suoi abitanti, la fine di una vita sociale di paese, il blocco di tante sue attività e il cadenzare solito della quotidianità feriale e festiva. Anche le sue tradizioni, conservate gelosamente, hanno risentito della lacerazione di un tessuto civile. Amatrice era uno scrigno di preziose testimonianze canore, etnomusicali ed etnocoreutiche: canti a braccio, ciaramella, tamburrella, organetto e saltarella erano i suoi gioielli migliori. Oggi si cerca di tutelare questo importante patrimonio.
Il repertorio di ballo
Amatrice e il suo territorio dell’alta valle del Velino hanno fatto parte dell’Abruzzo e al Regno delle due Sicilie fino al 1927.
Dal 1981 studiamo un caso di eccellenza della danza popolare italiana: una "saltarella" (gli anziani usano ancora il femminile) complessa e virtuosistica, ma soprattutto ancora viva pur se relegata agli amatori di tradizioni del territorio. Si tratta di una danza di coppia complessa, densa e di rapida esecuzione (ogni coppia compie la sua esecuzione fra i 35 e i 45 secondi), dunque esige una preparazione precisa e puntuale di ogni sua componente strutturale e cinetica.
Il ballo si compone di tre parti ben precise e tutte di grande vivacità, virtuosismi cinetici ed energia.
Il seminario prevede lo studio di tutte le parti coreografiche e della discreta varietà di "passi" e tipi di giro.
 
INFORMAZIONI & ISCRIZIONI
Per partecipare al laboratorio bisogna prenotarsi (per telefono o mail) e compilare un modulo di iscrizione (da richiedere alla segreteria).
Segreteria, iscrizioni e info sul repertorio didattico: 347-5000000 (Pino), 347-6194866 (Tiziana) – Mail: taranta@taranta.it
Info logistica: 320-5561316 (Enzo) – Mail: gruppogioppiniitalia@gmail.com
 
CONTRIBUTI
- Chi si iscrive entro il 29 gennaio 2023 costo 25 €;
- Per partecipare alla cena: 10 €. Gli allievi del laboratorio hanno la partecipazione gratuita alla festa serale.
 
* * *
ORGANIZZAZIONE
Gruppo Folk "I Gioppini" di Bergamo e Ass. Cult. Taranta di Firenze
 
PATROCINI
FITP (Federazione Ital. Tradizioni Pop.), IOV (International Organization of Folk Art)
 
 
Viaggio nelle danze tradizionali del centro-sud
Continuiamo il nuovo percorso didattico nel mondo delle danze tradizionali italiane. Dopo aver perlustrato alcuni giacimenti delle regioni settentrionali del nostro Paese, questo secondo cammino lo dedichiamo ad alcuni esempi fra i più noti delle danze tradizionali del centro-sud.
Diverso è il taglio tematico e metodologico. Infatti abbandoniamo il metodo antologico e areale e adottiamo quello specialistico e di approfondimento. Dallo sguardo e dall'insegnamento panoramico passiamo all'immersione nel modello e nello stile coreutico locale. Quindi non affronteremo più in ciascun laboratorio un gruppo di balli semplici e di gruppo, ma studieremo solo una danza complessa per volta, prevalentemente di coppia.
Resta identico però il metodo d'approccio: insegneremo le forme originali e in modo filologico, così come l'abbiamo appreso decenni or sono, prima della scomparsa di alcune danze o della trasformazione spettacolare. Vi sarà sempre in ciascun laboratorio una sezione teorica nella quale parleremo di notizie storiche e antropologiche e vedremo i video originali dei balli insegnati, a prova della competenza e dell'adesione alle forme autentiche da parte dei docenti.
Quindi chi frequenta questi laboratori avrà la garanzia di poter apprendere le danze nella loro forma corretta. Resta invece intatte le finalità della rassegna "Sussulti di danza": i laboratori saranno improntati al recupero anche di alcune "funzioni" proprie del ballo tradizionale: capacità aggregativa, divertimento, buon umore, piacere fisico, distensione psichica, esercizio ritmico-motorio, concentrazione esecutiva.
Inoltre vogliamo far conoscere una parte dell'immenso patrimonio etnocoreutico dell'Italia, senza il bisogno di ricorrere a mode folk di balli stranieri, spesso non controllati nelle loro forme originarie.
Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci