• Banner7.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner4.jpg
  • Banner1.jpg
  • Banner6.jpg

TRATTURI - Le vie del ballo popolare in Italia

Percorsi antropologici e didattici di Pino Gala

I tratturi sono antichissime vie di peregrinazioni per la sopravvivenza. Essi permettevano di effettuare ogni anno in maniera cadenzata dei faticosi viaggi in cui uomini e animali condividevano condizioni simili di vita disagiata pur di fornire alle bestie il pascolo adatto secondo il clima e l’orografia del territorio.
Tale fenomeno incideva profondamente sui sistemi economici ed esistenziali delle popolazioni interessate.
Il viaggio transumante diventava così ciclico e senza soluzione di continuità, un’attività che i pastori di montagna si tramandavano di padre in figlio. Il tema del viaggio diveniva congenito all’esistenza e alla professione del pastore, tale che essere un marchio indelebile di identità.
La transumanza metteva in contatto persone di regioni e culture diverse e creava scambi di merci e di saperi: dialetti, usanze, oggetti, tecniche e conoscenze transitavano fra le persone che venivano a contatto. Il tratturo assumevano quindi anche un importante profilo simbolico di linee del destino e di incontri-mescolanze di esistenze.

L’Abruzzo è fra le regioni italiane quella più caratterizzata dalla transumanza a lungo tragitto: oltre alla campagna romana e alla Maremma toscana o alle riviere picene, i percorsi più frequenti erano quelli verso le Puglie, lungo una fitta rete di tratturi e tratturelli che percorrevano sino a oltre 3-400 miglia. Anche canti, musiche e balli si apprendevano e si cedevano nei lunghi mesi di vita da forestieri, così pian piano piccoli processi di ibridismo culturale si realizzavano.

Il progetto “Tratturi” vuole seguire simbolicamente tali sentieri di migrazione e trasformarli in flussi di conoscenze e scambi: è come mettersi metaforicamente lungo tali vie per compiere viaggi del sapere nelle culture locali, a dimostrazione di quanto sia ricca l’Italia di tesori etnici.  
Anche il ricercatore-etnografo è un po’ come un pastore transumante: ha percorso per decenni lunghi e faticosi tratturi per esplorare, scavare ed estrarre conoscenze sui modi e i concetti di vita delle comunità osservate. Oggi egli sente il dovere di divulgare le sue scoperte e narrare, attraverso i diversi linguaggi corporali della danza, storie e contesti locali.

“Tratturi” sarà un viaggio “altro” in repertori fuori delle mode folk, dentro linguaggi locali fedeli agli originali, per una comprensione più filologica e rispettosa degli usi tradizionali

DiversaMenteDanza presenta una rassegna di grande pregio, curata dal Professor Pino Gala, gli incontri sono aperti a tutti, possono essere frequentati singolarmente oppure è possibile sottoscrivere l'abbonamento per l'intera stagione di studio. Le date, salvo variazioni, sono quelle riportate in calendario.

Programma generale

24-25 novembre 2018: Balli tradizionali dell’Abruzzo
Repertorio: saltarella della Val Vomano, lu entre e esce e saltarella della dell’area frentana, cotta e mazurka fiorata di Orsogna, danza e cotiglione del Teramano.

26-27 gennaio 2019: Balli tradizionali della Puglia
Repertorio: tarantella di Carpino, pizzica pizzica di Cutrofiano, scotis di Corigliano d’Otranto, pizzica pizzica e scozië di Cisternino, polka rossa. 

16-17 febbraio 2019: Balli tradizionali della Sicilia
Repertorio: ballettu dei Peloritani, scotis geracese, scotis col fazzoletto, 4 passi, sciatamarra, contraddanza.

16-17 marzo 2019: Balli sul tamburo dell’area napoletana
Repertorio: balli ‘n coppë o tammurrë di Terzigno-Ottaviano e dell’area domiziana.

11-12 maggio 2019: Balli tradizionali della Basilicata
Repertorio: tarantella della Val d’Agri, tarantella figurata dell’area vulturana, tarantella in cerchio e pastorale del Pollino, polka fiorata, lu pichë e palë.

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Potete contattarci per ricevere le informazioni di cui avete bisogno, per prenotare la vostra partecipazione ad uno o a più incontri, per conoscere costi e modalità di iscrizione.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 338 7849738

Per avere informazioni sul repertorio di ciascun incontro:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 347-5000000

 

Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci