• Banner4.jpg
  • Banner6.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner7.jpg
  • Banner1.jpg

ExtraDanza

La memoria dei luoghi
Permanenza Didattica Sperimentale
ideato e diretto da Pino Gala e Tiziana D’Ascenzo
Oliveto Citra (SA)
dal 23 al 29 agosto 2021
 
Luogo e sentimento dei luoghi, viaggio, pellegrinaggio, memoria, riti della festa, sono termini e motivi che si rinviano e che appaiono legati attraverso mille itinerari.
Abbiamo voluto creare, in un momento in cui le radici hanno bisogno di nutrimento e le fronde desiderano sventolare libere per aria, un percorso multidisciplinare, sperimentale, in cui le lingue del corpo congiungono trame antiche, dialogano, e approdano alla profondità, rotondità, poetica armonia, della dimensione umana.
La memoria dei luoghi ci appartiene. È qualcosa di molto potente, fa parte della realtà materiale che percepiscono i nostri sensi fin dalla nascita, ma al tempo stesso alberga fuori di noi perché sopravvive ad ognuno.
Custodire la memoria e il sentimento dei luoghi vuol dire essere simultaneamente dentro e fuori di noi, vuol dire curare i fili della nostra storia individuale e al tempo stesso sentirsi parte viva di una comunità.
 
Parte Prima
D A N Z A P O P O L A R E
con Pino Gala
 
Progetto “Sananda”
Le trame collettive della memoria dei luoghi e il beneficio psico-fisico della danza.
Percorsi e grammatiche corporee iterativi e insistenti che liberano la mente e danno euforia alle membra.
Repertorio etnocoreutico: ballo tondo (Sardegna), ballarella del Matese (Molise), ballo sul tamburo (Campania), tarantella pastorale complessa (Basilicata-Calabria), balli della Val di Resia (Friuli).
“Conversazioni in speranza”
Il pellegrinaggio, una terapia mediante lo spazio: dal viaggio al topos della magia.
I riti e i luoghi della festa.
La danza che prega, la danza che cura.
 
Parte Seconda
D A N Z A S P E R I M E N T A L E (teatro danza)
con Tiziana D’Ascenzo
 
I luoghi intrecciano la loro identità ogni giorno, come noi. Come noi ricominciano sempre da capo, rinascono dopo le catastrofi, sopravvivono agli abbandoni, aspettano il ritorno delle emigrazioni, custodiscono riti e danze, curano, invecchiano, si trasformano, ma nonostante l’accadere inarrestabile, rimangono fedeli alla loro trama.
Le trame individuali della memoria dei luoghi
L’individuo e la sua storia
La narrazione corporea
I profili e le fantasie, tra la carta e il corpo
Il lavoro con le mani, sporcarsi danzando
 
INFO & ADESIONI
taranta@taranta.it – Mobile: +39-347-5000000
diversamentedanza.teatrodanza@gmail.com – Mobile: +39-338-7849738
 
Organizzazione:
Comune di Oliveto Citra (SA), Associazione Taranta aps, Associazione DiversaMenteDanza.
Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci