• Banner1.jpg
  • Banner2.jpg
  • Banner7.jpg
  • Banner6.jpg
  • Banner3.jpg
  • Banner5.jpg
  • Banner4.jpg

AMATRICE: DALLA TERRA VITA E MORTE

Il disastro sismico e la sfida culturale delle comunità colpite.

di Pino Gala

Alcune decine di secondi di tremore della terra bastano a trasformare la vita di umani, animali e cose in un paesaggio di morte e distruzione. Nell’Italia perennemente sismica, che da sempre ricuce le ferite delle proprie aree colpite e che ancora, reticente, non ha appreso la lezione della prevenzione che le moderne tecniche architettoniche permettono, ogni terremoto è un disastro apocalittico. Ogni volta si spera che non tocchi a noi, ma proviamo immenso dolore e attestata sincera solidarietà verso i disgraziati che la sorte cieca sceglie di volta in volta. Restano nel profondo della cultura italiana tracce di magia, fatalismo, rassegnazione e sfida con la natura che poco ci distinguono dai nostri antenati del Medioevo. E sempre scatta la validità del feroce proverbio latino “Mors tua, vita mea”: dalla distruzione e dalla prostrazione nascono per i sopravvissuti occasioni di lavoro e andamento positivo delle economie disastrate. La logica del “meglio l’uovo oggi” è dura da morire soprattutto nella politica di casa nostra, così ogni volta vanno in fumo miliardi, vite umane e persino culture locali. Ancora un profondo cambio di mentalità “preventrice” non genera un piano nazionale di messa in sicurezza del patrimonio artistico e edilizio in genere, che pur prevedendo ingenti costi oggi, fa risparmiare nel tempo e soprattutto limiterebbe la fragilità del sistema architettonico prevalentemente antico.

Leggi tutto...

Info Utilità Con noi Contatti
Mappa del sito
Domande frequenti
Notizie
Recensioni
Catalogo
Blog
Download
Link
Gallery
Facebook
Twitter
You Tube
Multimedia
Contattaci